Chef in the City
Press  Gallery  Albo d'oro  Rassegna stampa


Comunicati stampa

Chef in the City e Coldiretti, per la sfida di cucina solo prodotti made in Marche


10/08/2016

Uno degli obiettivi di Chef in the City, l’unica gara di cucina amatoriale della provincia di Pesaro e Urbino, è quello di portare sulle tavole dei ristoranti che partecipano alla sfida tra chef non professionisti, solamente prodotti di qualità e rigorosamente marchigiani.

Da oggi la selezione a disposizione della manifestazione si amplia ancor di più perché Comunica Srl, l’agenzia che organizza il format, ha raggiunto un accordo con Coldiretti Marche che metterà a disposizione dell’evento un’ampia offerta di materie prime che provengono da produttori marchigiani ed in particolare dal circuito Campagna Amica.www.mytshirtsdesigns.com Un’iniziativa voluta anche per offrire ai clienti dei ristoranti la possibilità di degustare prodotti che provengono al di fuori del territorio provinciale.

“Siamo felici di poter collaborare a questo evento – spiega il presidente regionale della Coldiretti Tommaso Di Sante – perché Chef in the City incarna lo stesso nostro spirito klock kopior e cioè valorizzare le eccellenze del territorio per abituare il consumatore ad acquistare solo prodotti di qualità. Le Marche sono una terra ricca di tradizione enogastronomica e noi, insieme allo staff di Chef in the City, faremo in modo che tutte le persone che seguiranno il format avranno la possibilità di gustare solo cibi genuini”.

Format che è nato con l’obiettivo di far lavorare i ristoranti nel mese di minori incassi, novembre, e nelle giornate più magre dal punto di vista dell’affluenza dei clienti (dal martedì al giovedì). Il tutto offrendo un menù ad un prezzo calmierato (25 euro tutto compreso) e la possibilità di gustarselo nei migliori ristoranti della provincia. Nelle prime tre edizioni le serate in cui si sono svolte le gare hanno sempre fatto registrare il tutto esaurito e c’è da pensare che la collaborazione con la Coldiretti Marche renderà la manifestazione ancor più appetibile.

“Noi metteremo a disposizione i prodotti dei nostri associati – riprende Di Sante – per contribuire a formare un menù di qualità in grado di valorizzare l’enorme patrimonio enogastronomico della nostra regione. Penso alla carne marchiata Bovinmarche, alle Doc dei nostri vini, alle Dop dei formaggi e dell’olio, alle eccellenze che ci permettono di esportare le nostre tipicità come le olive ascolane o il ciauscolo. Insomma prodotti di qualità, per un evento che punta sulla qualità”.

Ricordiamo infatti che il menù che viene realizzato durante le sfide di Chef in the City prevede una degustazione di panetteria, piatto di entrata, antipasto, secondo, dolce, vino, caffè e digestivo, tutto rigorosamente made in Marche Design Your Own T-shirts Online.

 

Intanto sono aperte ufficialmente le iscrizioni per la gara tra cuochi amatoriali. Il modulo di adesione si può sottoscrivere anche attraverso internet nel sito oppure recandosi negli uffici di Comunica rolex replika Srl in via Alavolini 6 a Fano. 





Torna indietro

Chef in the City e Coldiretti, per la sfida  di cucina solo prodotti made in Marche







Chef in the City è la prima gara di cucina amatoriale della provincia di Pesaro e Urbino.